Il Black Friday dei veri PetLovers è qui! Più di 800 prodotti. Fino al 70% OFF. Scorte limitate!

I 5 comportamenti del cane che bisogna saper comprendere

I comportamenti del cane







In questo articolo nuovo articolo del nostro blog, parleremo di alcuni aspetti del comportamento del cane che è utile conoscere. Nel nostro approfondimento di oggi, in particolare, ci soffermeremo su questi aspetti molto comuni nel rapporto di tutti i giorni con il pet:


Imparare a comunicare con il proprio cane è fondamentale per una convivenza equilibrata e positiva. Una mancanza di comprensione fra cane e uomo può essere a volte la causa di comportamenti indesiderati.

Il modo con cui i cani si avvicinano l’un l’altro è molto diverso dal nostro: non si dirigono mai l’uno dritto verso l’altro, ma si avvicinano curvando ossia si pongono di fianco uno rispetto all’altro.

I cani scelgono delle posizioni nello spazio con un preciso intento comunicativo, tutto questo fa parte della prossemica che è la disciplina che analizza come un soggetto usa lo spazio che lo circonda. Questi comportamenti fanno parte dunque della comunicazione non verbale del cane e definiscono il movimento, la posizione e le distanze del soggetto in riferimento all’ambiente e rispetto agli individui con i quali sta comunicando.

La prossemica ci aiuta a capire il nostro cane o il cane con cui entriamo in contatto.

Le distanze sono davvero molto importanti e si modificano in base alla confidenza che il cane ha con il suo interlocutore, infatti esiste:

  • una zona pubblica dove i cani si vedono, ma non c’è interazione;
  • una zona sociale: i cani sono in comunicazione anche se non sono in contatto;
  • una zona individuale: dove c’è un’interazione diretta;
  • una zona intima: questa è la distanza consentita solo ai membri della famiglia.

Ogni comportamento del cane va comunque sempre contestualizzato perché le motivazioni che spingono un cane a determinati atteggiamenti possono essere diverse.

Perché un cane annusa in giro?

L’olfatto rappresenta sicuramente il senso più sviluppato nel cane, infatti lo si definisce un animale macrosmatico ad elevata sensibilità olfattiva. Il cane possiede circa 225 milioni di cellule olfattive contro i 5 milioni presenti nell’uomo e quindi riesce ad identificare anche odori rilasciati fino a sei settimane prima.

La comunicazione olfattiva è definita comunicazione chimica volta alla percezione di odori sociali (ciascun individuo potrà riconoscere un conspecifico o interspecifico) ed alla percezione dei feromoni. I feromoni sono sostanze biochimiche prodotte dalle ghiandole esocrine e sono emessi dagli organismi viventi per inviare segnali ad altri individui della stessa specie. Nella percezione dei feromoni è coinvolto l’organo vomero-nasale situato nel pavimento della cavità nasale. Tali sostanze permettono di comunicare informazioni sullo stato emozionale e fisiologico di chi li emette. Esistono feromoni di adozione, di appagamento, di paura, di identificazione, di allarme ed i feromoni sessuali.

Anche l’emissione di urine e feci costituisce un messaggio di comunicazione sia olfattiva che posturale.

Pertanto possiamo definire il naso del cane come un libro da riempire attraverso tutte le informazioni che l’olfatto raccoglie sul mondo circostante. Il mondo per il cane è fatto soprattutto di odori con cui riconosce il passaggio di altri cani e riesce ad interpretare i messaggi da loro lasciati.

In poche parole il cane annusa per conoscere il mondo.

Perché il cane sbadiglia?

Lo sbadiglio è un segnale di calma di solito accompagnato da altri atteggiamenti (come per esempio le orecchie all’indietro o il voltare la testa o guardare con la coda dell’occhio). Questo comportamento non deve essere confuso con lo sbadiglio tipico di quando il cane si sveglia. Lo sbadiglio nella maggior parte dei casi indica disagio, noia o che il cane non comprende cosa gli stiamo chiedendo.

Perché il cane si lecca? Perché il cane lecca le persone?

Il leccarsi è uno dei segnali di calma più comuni: quando i cani si leccano il muso indicano che non vogliono problemi e di solito questo atteggiamento è associato alla testa bassa. Probabilmente il cane sta chiedendo una pausa dall’addestramento o vuole il suo spazio.

In generale se un cane lecca qualcuno si pensa che sia trasmettendo affetto alla persona in questione. A volte è così soprattutto se il comportamento viene rinforzato positivamente, tuttavia, se il cane lecca qualcuno con agitazione ed eccitazione potrebbe essere un sintomo di stress che il cane cerca di scaricare in questo modo.

Una bella leccata in faccia o magari sulle mani è un chiaro segnale di affetto e di sottomissione nei confronti del proprietario ma anche nei confronti di altri cani.

Perché il cane si mette a pancia all’aria?

Quando il cane si stende a pancia all’aria mostra generalmente sottomissione nei confronti di un altro cane per paura o per altri motivi. Si tratta di una posizione con la quale il cane tendenzialmente indica gentilezza e comunica che non vuole problemi. Se il cane si stende a pancia in su mostra calma e tranquillità e spesso lo fa per giocare o per avere coccole e carezze sulla pancia mostrando completa fiducia nel proprietario.

Perché e quando il cane muove le orecchie?

I cani muovono le orecchie per percepire meglio i suoni.

Le orecchie dritte sono un segnale di massima attenzione e di ascolto nei confronti del proprietario e del mondo esterno. Se invece le orecchie sono all’indietro e appiattite sulla testa questo comportamento del cane può essere un segnale di paura.

Ovviamente non bisogna guardare solo le orecchie, ma avere uno sguardo globale sugli atteggiamenti del cane: il respiro, la postura, la coda, l’atteggiamento della bocca in modo tale da capire quali siano le sue intenzioni. Ci sono cani che manifestano il loro nervosismo portando le orecchie all’indietro altri invece le mantengono dritte, pertanto non si può generalizzare lo stato d’animo di un cane attraverso l’osservazione di un singolo comportamento.

Condividi:

Nuovi Clienti

La creazione di un account ha molti vantaggi: check-out veloce, salvare più di un indirizzo, tenere traccia degli ordini e altro ancora.