Sei al tuo primo ordine? Registrati ed usa il codice 10BZR Ottieni il 10% di sconto su tutto. Nessun ordine minimo richiesto.

Gatto Sacro di Birmania

Il Sacro di Birmania trova origine nel mistero di una leggenda. Si narra infatti che il primo esemplare di Sacro di Birmania discenda dal gatto bianco del monaco Mun Ha del tempio di Lao Tsun: a seguito della morte del religioso, la dea Tsun Kyan Kse lo trasformò in un felino con profondi occhi blu zaffiro e mantello dai riflessi dorati. Alcuni racconti sostengono invece che i primi esemplari di Sacro di Birmania siano la discendenza diretta dei due esemplari donati dai monaci birmani ad alcuni militari francesi di stanza che, importandoli in Europa, ne decretarono il successo.

Altre storie ipotizzano che il Sacro di Birmania sia il risultato dell’incrocio tra un Persiano e un Siamese, rispettivamente responsabili della particolare colorazione e della natura del pelo. Nel 1926, la Fédération internationale féline (Fi.Fe) conferì alla razza felina quel riconoscimento ufficiale che finalmente fissava i tratti caratteristici del Sacro di Birmania e che fugava ogni possibile confusione con un altro felino, il gatto Burmese: corpo leggermente allungato, pelo semi-lungo, occhi azzurri come zaffiri e zampe avvolte da un bianchissimo guanto.

gatto-sacro-di-birmania

SACRO DI BIRMANIA CARATTERE E COMPORTAMENTO

Il Sacro di Birmania è un gatto brillante, attivo e amabile; è un felino incline alla vita domestica, socievole ed estremamente giocherellone con i bambini e gli altri animali domestici. Il gatto Sacro di Birmania tende a stringere un legame esclusivo col padrone, al quale dona amore e dolcezza. In generale, questo felino si lascia coinvolgere in tutte le attività familiari ma rifugge dalla confusione. Il carattere e il comportamento del Sacro di Birmania smentisce quel luogo comune che vedrebbe il gatto come un animale autonomo e indipendente. 

SACRO DI BIRMANIA CUCCIOLO

Un cucciolo di Sacro di Birmania, appena nato, è tutto bianco: il tipico colore dorato e le estremità scure (coda, orecchie e muso) compaiono solo dopo qualche mese.

Nei primissimi mesi di vita, il cucciolo di Sacro di Birmania manifesta quelle caratteristiche fisiche e caratteriali proprie delle due razze feline da cui si ipotizza discenda: Siamese (colorazione colourpoint e armonia nei movimenti) e Persiano (mantello lungo, ossatura robusta e dolcezza).

Per essere sicuri di adottare un esemplare con un certo aspetto e un determinato carattere, è bene sapere che il prezzo di un cucciolo di Sacro di Birmania deve aggirarsi intorno agli 800- 1300 euro.

SACRO DI BIRMANIA ALIMENTAZIONE

È molto raro che il gatto Sacro di Birmania soffra di obesità. La razza felina si contraddistingue per l’elevata capacità di autoregolamentazione ovvero per la capacità di mangiare solitamente piccole dosi durante la giornata. È consigliabile quindi alternare il cibo secco con il cibo umido in modo che i principi nutritivi e le proprietà benefiche contenute possano soddisfare adeguatamente le esigenze nutrizionali dell’esemplare. 

È sempre preferibile, e ancor di più se si tratta di un esemplare maschio, sistemare la ciotola dell’acqua vicino a quella del cibo per consentire un corretto rifornimento dei liquidi (nella fattispecie i maschi tendono a bere di meno delle femmine e, più in generale, di tutti gli esemplari maschi delle altre razze feline).

Dopo l’importante fase di allattamento in cui il gattino si nutre di colostro (ricco di proteine e povero di grassi e di zuccheri), lo svezzamento deve realizzare il passaggio dal cibo liquido al cibo semi-solido, ricco di nutrimenti necessari per la crescita. Difatti, il cucciolo di Sacro di Birmania sarà in grado di mangiare cibo secco soltanto intorno alle dieci settimane.

In questo senso, l’utilizzo di mangimi di tipo industriale permette di controllare le materie prime contenute e le dosi giornaliere da somministrare in ogni fase di vita. Una sana e corretta alimentazione permette di evitare la comparsa di malattie, sensibilità o disturbi legati a una sbagliata nutrizione.

TOELETTATURA E IGIENE

Il pelo del Sacro di Birmania non richiede particolari cure. Pur essendo folto e lungo, il suo mantello richiede una sola spazzolata settimanale e un bagno ogni due o tre mesi. Le operazioni di toelettatura rimangono importanti per mantenere il mantello pulito e morbido e per evitare la formazione di boli di pelo (che, se digeriti, diventano pericolosi per la salute dell’animale). Il Sacro di Birmania non possiede un folto sottopelo, il che significa che non è in grado di gestire le rigide temperature e le correnti d’aria.

SALUTE, CONTROLLI E VACCINAZIONI

Dal punto di vista genetico, le patologie più frequenti nel Sacro di Birmania sono: difficoltà respiratorie, problemi all’apparato digerente e sindrome di nudità. 

In linea generale, il Sacro di Birmania gode di buona salute. In ogni caso è necessario portare avanti un fitto calendario di visite presso il veterinario curante e rispettare le tempistiche delle principali vaccinazioni, dei relativi richiami (contro gastroenterite virale, rinotracheite virale, calicivirus, leucemia felina, immunodeficienza felina e rabbia) e di tutte le operazioni necessarie per evitare malattie di altra natura (come la filariosi e la leishmaniosi).

SACRO DI BIRMANIA STANDARD
  • Testa La testa deve essere larga e arrotondata, con mento vigoroso.
  • Occhi Gli occhi devono essere grandi, distanziati e piuttosto rotondi.
  • Orecchie Le orecchie devono essere non troppo grandi e larghe alla base, con punte arrotondate.
  • Corpo Il corpo deve essere di media lunghezza e con ossatura robusta. I maschi devono presentare una struttura più massiccia delle femmine.
  • Coda La coda deve essere di lunghezza media, piena e vaporosa.
  • Arti Le zampe devono essere robuste, non troppo lunghe e con piedi rotondi.
  • Mantello e colore Il pelo deve essere lungo, setoso sul dorso e sui fianchi e con un leggero sottopelo. Sono ammessi i colori: Seal, Blue, Chocolate, Lilac, Red e Cream Point. Seal, Blue, Chocolate e Lilac Tortie Point. Seal, Blue, Chocolate, Lilac, Red e Cream Tabby Point. Seal, Blue, Chocolate e Lilac Tortie Tabby Point.

 

Condividi: