Servizio Clienti Il customer support non sarà attivo dall' 8 al 23 agosto. Risponderemo alle mail quanto prima.

Gli ordini saranno evasi regolarmente. Gli ordini pagati con bonifico potrebbero subire qualche giorno di ritardo.

Blu di Russia

Il Blu di Russia è una razza felina dalle origini indefinite. La versione più accreditata, a cui il nome stesso della razza rimanda, ne stabilisce l’origine in Russia (mentre la loro fortuna in Europa è dovuta ai marinai del porto di Arcangelo). In realtà, prima di conoscere la passione dei gattofili inglesi, gli esemplari di Blu di Russia venivano imbarcati sulle navi dei marinai con il compito di cacciare topi. 

Gli esemplari di Blu di Russia non ottennero il successo desiderato durante la prima esposizione felina del 1871: i felini slanciati, sottili e con il mantello simile a quello della lontra passarono inosservati rispetto ai più conosciuti British Shorthair blu e Certosino. Nonostante il riconoscimento ufficiale del 1920, il Blu di Russia continuò a essere selezionato e incrociato con altre razze: gli esemplari ottenuti erano così diversi da far rischiare l’estinzione dell’originale Blu di Russia.

blu-di-russia

Ad oggi, la razza felina è stata completamente recuperata e presenta i tratti tipici dei suoi predecessori: tipico colore grigio-azzurro con riflessi argentati, voce gentile e fioca, occhi verdi, corpo affusolato e sottile.

CARATTERE E COMPORTAMENTO

L’aspetto nobile ed elegante del Blu di Russia vela un carattere dolce ed equilibrato. Il Blu di Russia è un gatto  gentile e ponderato, un felino che miagola pochissimo, ama vivere in casa e sa condividere tranquillamente gli spazi con la famiglia e gli altri animali domestici.

Essendo un felino acuto, discreto e di buona compagnia, il Blu di Russia risulta adatto ai padroni sereni e tranquilli e alle famiglie con bambini (con i quali si dimostra tranquillo e rispettoso).

BLU DI RUSSIA CUCCIOLO

Il cucciolo di Blu di Russia si presenta come un gattino dall’espressione simile al sorriso della ‘Gioconda’. Un cucciolo di Blu di Russia spesso viene confuso con altri gattini dal mantello grigio blu e dagli occhi azzurri (dopo i primi mesi di vita gli occhi del Blu di Russia diventano verdi): in realtà la corporatura muscolosa e scattante, il muso affilato e il carattere gentile e sommesso lo rendono un gatto unico nel suo genere.

Non è facile riconoscere un cucciolo di Blu di Russia. Nonostante la riselezione della razza felina degli anni ’60, gli estimatori non sono riusciti a spazzare via la confusione con gatti dall’aspetto simile (Certosino, Korat e British) e l’indifferenza intorno al Blu di Russia. In questo senso la storia, la natura e i pregi del Blu di Russia “impongono” un prezzo che generalmente varia dai 600 agli 800 euro. 

BLU DI RUSSIA ALIMENTAZIONE

Il Blu di Russia non è un gatto vorace. L’alimentazione non richiede un impegno particolare. Generalmente, salvo particolari condizioni cliniche, il nutrimento deve essere ricco, variegato, sempre fresco e di ottima qualità. È consigliabile creare un’alternanza di cibo umido (2 volte al giorno) e di cibo secco (disponibile tutto il giorno) che comprenda integrazioni importanti (taurina, calcio e vitamine). Dal momento che il Blu di Russia non è vorace nemmeno da sterilizzato, è consigliabile prestare molta attenzione al peso e alle razioni giornaliere.

TOELETTATURA E IGIENE

Il pelo del Blu di Russia non prevede cure eccezionali dal momento che il suo mantello, corto e folto, richiede solo spazzolate con una spazzola a denti morbidi a cadenza settimanale (una spazzola inadatta o un uso spropositato potrebbe danneggiarne pelo e sottopelo).

La muta è il periodo più impegnativo in termini di cura e toelettatura. Durante il cambio del pelo stagionale è consigliabile spazzolare il manto del Blu di Russia almeno una volta al giorno per liberarlo dai peli morti e per donargli maggior vigore. Il lavaggio deve essere limitato ai casi in cui il manto appare visibilmente sporco, magari a seguito di un’avventura all’aperto.

SALUTE, CONTROLLI E VACCINAZIONI

Dal punto di vista genetico, il Blu di Russia non presenta nessuna particolare predisposizione ereditaria e congenita. È più opportuno parlare forse di sensibilità (ai reni perlopiù). 

Le visite dal veterinario curante possono aiutare a tenere sotto controllo la salute del felino e aiutare il Blu di Russia a raggiungere l’età media stimata di 15 anni. Le vaccinazioni e i relativi richiami sono necessari per rafforzare il sistema immunitario dell’esemplare e per proteggerlo da herpes felino, calicivirus, enterite felina, leucemia felina e rabbia. In questo senso, è indispensabile fornire protezione contro le malattie provocate dai diversi parassiti come la filariosi.

BLU DI RUSSIA STANDARD
  • Testa La testa deve essere cuneiforme, con profilo lungo e asciutto. Idealmente, un terzo del profilo deve essere occupato dalla fronte e i restanti due dal naso.
  • Occhi Gli occhi devono essere grandi, leggermente a mandorla e di colore verde intenso.
  • Orecchie Le orecchie devono essere leggermente inclinate in avanti e ben distanziate, lunghe quanto larghe e internamente povere di pelo.
  • Corpo Il corpo deve essere lungo, elegante e di statura elegante.
  • Coda La coda deve essere lunga, larga alla base e sottile in punta.
  • Arti Le zampe devono essere lunghe e snelle; i piedi sottili e ovali
  • Mantello e colore Il pelo deve essere corto, folto, soffice, setoso e doppio (con sottopelo e stato esterno di pari lunghezza). Il colore ammesso è il blu puro, in tinta unita, con una marcata brillantezza argentata. Un colore blu medio è preferito. 

 

Condividi: