Come far giocare il tuo cane con il kong

Il Kong fornisce al cane nuove competenze e abilità uniche

Myriam Amato

Myriam Amato

02 Nov 2015

Chi lo dice che il benessere di un cane passa solo ed esclusivamente dalla toelettatura o dall’alimentazione? Niente di più sbagliato. Chi ha adottato un fido sa perfettamente che le sue esigenze sono numerose e diverse. Un amico a quattro zampe in perfetta forma è un cane che corre e che si diverte, è un animale che gioca. In questo senso, il gioco non rappresenta solo il momento in grado di mantenerlo attivo ma anche e soprattutto il mezzo con cui cementare il rapporto animale e padrone, l’espediente con cui costruire indelebili ricordi.

cane-kong

Sul mercato di riferimento esiste una vasta gamma di giochi e di regali che permette di condividere del tempo di qualità con il proprio amico a quattro zampe: giochi di cotone, palle da calcio, simpatiche cosce di pollo, ossi di gomma, eccetera. Ogni gioco ha la capacità di stimolare fisicamente ed intellettivamente in modi diversi il proprio amico. Tra le possibili scelte però c’è il Kong, il gioco originale, rimbalzante e divertente. La gomma del Kong ha una consistenza morbida, atossica e masticabile; il gioco è realizzato con caucciù naturale super resistente, rimbalzante, creato per essere masticato e riempito di deliziosi snacks. Questo divertente passatempo tiene occupato il cane allo scopo di evitare che mastichi i mobili, di impegnarlo durante l’assenza del padrone, di sollecitarne la mente con la scoperta di nuove soluzioni.

Il Kong, infatti, permette al padrone di costruire di volta in volta delle diverse situazioni di svago, dai giochi semplici a quelli di livello più avanzato: il gioco salta e rimbalza in modo del tutto inaspettato, è una sfida stimolante per l'istinto di gioco e di caccia di ogni cane (specialmente quando si nasconde al suo interno dei piccoli snacks), e viene utilizzato nel processo di addestramento dei cani (addestramento al silenzio, addestramento al trasportino e così via). Eppure è indispensabile scegliere attentamente il Kong più adatto al proprio cane, per soddisfare le sue esclusive esigenze di sviluppo psicofisico: nel doloroso periodo della dentizione, proprio perché il cucciolo è portato naturalmente a mordere qualsiasi oggetto alla sua portata, si possono utilizzare dei Kong che aiutino a favorire la fuoriuscita dei denti in crescita e che abituino il cane alla corretta masticazione; nel periodo di crescita, quando i denti e il morso si rafforzano, si deve optare per dei giocattoli capaci di sostenere un simile cambiamento; in età avanzata, quando il cane ha un’attività fisica fortemente ridotta a causa dei vari problemi di salute, si possono usare dei Kong delicati studiati per continuare a stimolarlo. 

In ogni caso, usare il Kong è semplice e divertente. Si può coinvolgere l’amico a quattro zampe in giochi di lancio e riporto. Il padrone può sedersi a un’estremità di un corridoio e lanciare un Kong verso l’estremità opposta, per lasciare che il cane insegua e riporti indietro il giocattolo (solo premiandolo con una carezza o con uno stuzzichino quando riporterà il gioco indietro sarà possibile iniziare a legare con lui).

Si può coinvolgere l’amico a quattro zampe a trovare il premio. Il padrone può chiedere al fido di stare fermo mentre nasconde dei Kong in luoghi diversi. Una volta terminata questa fase, si potrebbe incoraggiare il cane a cercare i giochi colorati nascosti cospargendo una serie di bocconcini lungo i percorsi di ritrovamento (oppure si potrebbe rendere più difficile la fase di recupero aumentando la distanza tra un bocconcino e l’altro). Il gioco del ritrovamento del premio rappresenta un modo intelligente per tenerlo impegnato anche in situazioni inusuali (spesso fonti di stress, noia e di comportamenti sbagliati) . La varietà dei diversi rompicapo, soprattutto se riempiti di gustoso cibo, manterranno vivo l’interesse e il coinvolgimento del cane.

Si può coinvolgere il cane nell’inseguimento di un frisbee. Facendo girare un frisbee Kong sul pavimento, ruotando il disco sul lato con un lancio a rotazione, è possibile spingere il cane all’inseguimento del giocattolo.

Al di la di come si scelga di giocare con il Kong, questo colorato giocattolo a forma di cono sembra piacere sia a cani che padroni: appena il cane inizia a mordere il suo Kong mette in moto un’attività che permette il rilascio di endorfine, delle sostanze chimiche che lo trasformano in un animale sereno, rilassato e meno stressato; allo stesso tempo, il padrone potrà tenere occupato l’amico di zampa in un gioco divertente e stimolante, in un’occupazione dall’approccio educativo (e in grado di prepararlo a rimanere da solo).

In questo senso, il Kong riesce a fornire al cane delle nuove competenze e delle abilità uniche, gli insegna a restare calmo di fronte a delle situazioni inedite e quindi a scovare delle soluzioni alternative. Il Kong è lo stimolo colorato capace di interagire con il cane, di ‘costringerlo’ a trovare nuovi espedienti a problemi prima sconosciuti (dov’è il Kong? come si tira fuori il cibo?). Ovviamente è necessario fornire delle risposte concrete a un tale impegno (principalmente si dovrebbe consentire al cane di mangiare gli snacks racchiusi all’interno del giocattolo).

La versatilità di gioco del Kong permette di passare a nuove ed entusiasmanti avventure, di nasconderlo in luoghi inediti come la casa o il giardino e di riempirlo di gustosi paté. Il gioco può essere utilizzato per soddisfare le esigenze di quei cani a caccia di stimoli fisici e mentali, per interessare gli amici a quattro zampe inclini a uno stile di vita rilassato o alla noia, per disabituarli alla masticazione indiscriminata, per motivare i cani al cibo, e simili.

Creare dei nuovi e interessanti percorsi di gioco con i Kong permette di soddisfare l’istinto naturale di ogni amico di zampa (come abbaiare, marcare il territorio, azzannare e così via). Un cane che gioca è un animale felice, è un fido che non corre il rischio di acquisire dei comportamenti inopportuni. 

Firma Myriam Amato

Prodotti associati a questo articolo